REMBRANDT HARMENSZOON VAN RIJN (1606-1669)
LA CENA IN EMMAUS 1654

Acquaforte e puntasecca, mm 211×160. Stato IV/V

Bellissima impressione nitida e con segni freschi di questo soggetto del maestro olandese. Cristo, seduto a un tavolo al centro, spezza il pane e lo offre ai suoi discepoli. Si vedono un uomo con le mani giunte in piedi a sinistra, altri due in piedi lungo una balaustra a destra con un cane dietro di loro. Si notano una tenda dietro il tavolo e del fogliame a destra.
Si tratta di un quarto stato caratterizzato dall’aggiunta di due punti nell’angolo in alto a sinistra e ombre rafforzate sulla parte destra del tavolo sotto la tovaglia, sul muro nell’angolo in basso a destra e attorno alle gambe dell’uomo a sinistra, ma prima dell’ombreggiatura verticale nella gamba sinistra del tavolo che nelle tirature successive continuata fino al bordo inferiore. I due punti, scoperti per la prima volta da Krzysztof Kruzel, furono applicati su ventinove lastre di rame poco dopo la morte di Rembrandt da un proprietario sconosciuto. Le impronte stampate dalle lastre con i due punti, dette «impressioni punteggiate» da E. Hinterding, e risalgono al 1680-1700 circa. La prova è antecedente alle pesanti modifiche apportate da Basan.

Rembrandt si è confrontato con il tema diverse volte perché dipinse ben quattro tele, due acqueforti e almeno una decina di disegni sul tema dei pellegrini di Emmaus e della loro cena con Gesù. Rembrandt è interessato al fatto che l’evangelista Luca ci racconta una storia di visione e non-visione: «Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo […] Allora si aprirono loro gli occhi» (Lc 24,16.31). Rembrandt descrive l’incontro, l’atmosfera della locanda, il riconoscimento, le reazioni dei discepoli. Usando gli artifici della luce, Rembrandt non esita ad accentuare al massimo il contrasto tra la fede del discepolo credente e il terrore di colui che indietreggia davanti al prodigio.

Foglio completo di piccoli margini oltre l’impronta del rame, stampato su bella carta vergellata sottile e in ottimo stato di conservazione.

Bibl: New Hollstein 283
Euro: Contattaci per ulteriori informazioni

STUDIO FABRIZIO PAZZAGLIA

Ci occupiamo di Arte grafica dal 1999.

DOVE SIAMO

Via Calzapalla, 1
61029 Urbino (PU)

CONTATTI
SEGUICI SU