MARIO GIACOMELLI (1925-2000)
ZINGARI 1958

Fotografia, mm 130×180

Opera facente parte di una serie realizzata in un campo nomadi di Senigallia. Si tratta di scatti “rubati” in mezz’ora data la difficoltà ad avvicinarsi alle persone che popolavano il campo. E’ una testimonianza importante, perchè sono rari gli autori che si spingono a entrare a contatto con una cultura, quella dei Rom, da sempre tenuta ai margini.

Giacomelli scriveva: “C’è un senso della vita addosso a questa gente, nella loro povertà c’è la vita vera. Pensavo di completare questa ricerca in diverse occasioni, ma mi è stato impossibile perchè gli zingari non vogliono essere fotografati”.

Firmata a pennarello, in basso a destra

Euro: 850

STUDIO FABRIZIO PAZZAGLIA

Ci occupiamo di Arte grafica dal 1999.

DOVE SIAMO

Via Calzapalla, 1
61029 Urbino (PU)

CONTATTI
SEGUICI SU