HANS SEBALD BEHAM (1500-1550)
Adamo ed Eva, 1543
Bulino, mm 84X58. Stato: V/V

Bellissima impressione nello stato definitivo, con le aggiunte dei tratteggi verticali tra
Eva e lo scheletro, di uno dei soggetti più ricercati del maestro di Norimberga. La prova
è completa di tutta la parte incisa e risulta in ottimo stato conservativo,
applicata su supporto.
Sebald fu sempre fortemente influenzato dai disegni di suo fratello Barthel e si cimentò
nel realizzare alcune copie libere delle sue incisioni. È molto probabile che Sebald abbia
ereditato le lastre di Barthel. Questa incisione è una copia fedele, nella stessa direzione,
dell’incisione di Barthel dello stesso soggetto che fu prodotta tra il 1525 e il 27. La
trasformazione insolita e macabra dell’albero della vita in un albero della morte è
l’elemento più sorprendente della composizione di Barthel. La visione pessimistica
dell’umanità, inerente a tutte le rappresentazioni della caduta, è qui portata ad un
estremo bizzarro. Le rappresentazioni della morte in associazione con la sessualità
umana sono molto comuni nelle stampe di questo periodo, tanto che non sorprende
vedere questo tema tradizionale dell’Antico Testamento, in cui il serpente è associato al
peccato di lussuria, interpretato in tal modo per i collezionisti di piccole incisioni.

Bibl: Hollstein 7
Euro: 1100

STUDIO FABRIZIO PAZZAGLIA

Ci occupiamo di Arte grafica dal 1999.

DOVE SIAMO

Via Calzapalla, 1
61029 Urbino (PU)

CONTATTI
SEGUICI SU