GIAMBATTISTA TIEPOLO (1696-1770)
Pastore e due maghi, 1743-54
Acquaforte, mm 224×177. Stato: I/II

Bellissima impressione di questo soggetto facente parte della serie degli “Scherzi”, eseguita a più riprese tra il 1743 e il 1754.

I soggetti alludono a rimandi filosofici, mitologici, alchemici o religiosi. Le composizioni sono irreali, teatrali e stravaganti in cui maghi, satiri, uomini barbuti, volti accigliati e vari personaggi occupano le scene.

Prova nel raro primo stato di due, avanti la numerazione in alto a destra. Esemplare completo di margini di circa 1 cm oltre l’impronta del rame, in perfetto stato conservativo stampata su carta vergellata tipicamente settecentesca.

L’artista descrive le figure con mano sicura e gestuale: non a caso, lo stesso Tiepolo affermava che «concepire, disegnare, intagliare non è che un istante per me». Le stampe non hanno significati chiari o espliciti, ma alludono a un mondo intellettualistico.
Gli scherzi di Tiepolo sono stati molto apprezzati dai collezionisti e dagli intenditori, grazie al loro virtuosismo tecnico e ai loro significati enigmatici, segno della genialità dell’artista.

Bibl: De Vesme, 28
Euro: Contattaci per ulteriori informazioni

STUDIO FABRIZIO PAZZAGLIA

Ci occupiamo di Arte grafica dal 1999.

DOVE SIAMO

Via Calzapalla, 1
61029 Urbino (PU)

CONTATTI
SEGUICI SU