ALBRECHT DURER (1471-1528) da
Le Quattro Streghe, 1498
Bulino, mm 191×134.

Bellissimo esemplare di questa incisione tratta da uno dei soggetti più noti del maestro
di Norimberga. Il bulino risulta sconosciuto ai repertori, non si tratta infatti né della
copia eseguita da Israhel van Meckenem, né da Wenzer Olmutz e per questo risulta di
grande interesse collezionistico. L’inchiostratura è nitida e ricca di contrasto. La prova
è stampata su carta vergellata databile al primo ‘500 e conserva tutta la parte incisa. Il
foglio si presenta in buone condizioni generali, fatto salvo un piccolo strappo marginale
abilmente restaurato. Il soggetto di questo lavoro, la prima incisione datata di Dürer, è
rimasto quasi un enigma. La data, 1497, è incisa su una misteriosa sfera sospesa con le
lettere O.G.H. Nel nostro foglio la data è cambiata in 1498, probabile data di
esecuzione di questa lastra. Sono diverse le interpretazioni date a queste lettere, ma
vista la presenza del diavolo, del cranio umano e dell’osso sul pavimento, la critica
propende per il fatto che le donne sono impegnate in attività diaboliche. Joachim von
Sandrart suggerì per la prima volta nel 1675 l’idea di “O Gott hüte” (O Dio proteggi).
Sandrart ha inizialmente espresso l’opinione che le donne rappresentino un gruppo di
streghe. L’argomento potrebbe essere collegato a una descrizione fatta in una guida
profondamente misteriosa e molto popolare sulla caccia alle streghe:
il Malleus maleficarum, pubblicato per la prima volta a Strasburgo nel 1487.Questo
Testo che fu stampato a Norimberga dal padrino di Dürer. Più recentemente il Panofsky
ha descritto la scena parlando di una leggenda nordica in cui si narrava che una giovane
strega, resa incinta dal demonio, fosse stata aiutata da altre tre streghe che, toccandole a
turno il ventre e pronunciando frasi
malvagie, provocarono la morte nel grembo materno del ‘figlio del demonio’.
Le pose delle figure ricordano la scultura classica. In quest’opera Dürer ha voluto
raffigurare il corpo femminile studiandone le forme e gli atteggiamenti da diversi punti
di osservazione secondo una ricerca approfondita che lo porterà ai suoi trattati sulle
proporzioni del corpo umano.

Bibl: Meder 69, Bartsch 75
Euro: 1200

STUDIO FABRIZIO PAZZAGLIA

Ci occupiamo di Arte grafica dal 1999.

DOVE SIAMO

Via Calzapalla, 1
61029 Urbino (PU)

CONTATTI
SEGUICI SU